produzione



DELLA ROBBIA Andrea

Della Robbia Andrea
(Firenze, 20 Ottobre 1435 – Firenze, 4 Agosto 1525) è stato uno scultore e ceramista italiano.

Nipote di Luca della Robbia, ovvero figlio di suo fratello Marco, Andrea fu come lui specializzato nella tecnica della ceramica policroma invetriata, inventata dallo zio, del quale divenne socio e continuatore nella bottega di terrecotte. La sua vastissima attività, inizialmente vicina a quella del maestro, successivamente si ispirò più alla pittura contemporanea che alla scultura, come la bottega del Verrocchio, quindi sviluppò in seguito un gusto più scoperto e superficiale per gli effetti pittorici ottenuti con la brillantezza dei colori.
Le sue opere, spesso in bicromia bianco/blu, sono sparse nelle chiese e nei palazzi di tutta la Toscana ed in Umbria.
Tra i suoi lavori più notevoli "I Putti" nel portico dello Spedale degli Innocenti a Firenze (1487) i rilievi e le grandi tavole nel Santuario della Verna (Annunciazione e Deposizione) la lunetta con l'Incontro dei santi Francesco e Domenico nella loggia dell'ospedale fiorentino di San Paolo (1490-95) che rispecchia l'adesione di Andrea agli ideali religiosi del Savonarola. A partire dall'ultimo decennio del secolo l'enorme quantità di commesse costrinse Andrea ad avvalersi sempre più di collaboratori: la produzione si "industrializzò" assumendo caratteristiche decorative convenzionali.
Sue sono anche le belle lunette con i bambini che coronano armoniosamente le arcate dello Spedale degli Innocenti. Al Museo del Bargello di Firenze si conservano numerose sua opere, tra cui un Ritratto di fanciulla. Altra sua opera è custodita presso la chiesa di Santa Maria del Gesù a Trapani: la cosiddetta Madonna degli Angeli, commissionatagli dalla famiglia Staiti. Una grandissima pala (320x230 cm) della Natività (1487) si trova a Militello in Val di Catania, presso il Santuario di Santa Maria della Stella. Giunse a Palermo da Pisa via mare in 17 casse, indi fu trasportata coi carri a Militello. Il trasporto costò più del compenso allo scultore.
Tra i cinque figli di Andrea i più noti sono Giovanni, il più talentuoso che proseguì con successo l'attività della bottega di famiglia e Gerolamo (Firenze 1488 - Parigi 1566) che lasciò nel 1517-18 la prospera bottega fiorentina e si trasferì in Francia, dove partecipò fra l'altro alla decorazione di Fontainebleau.
Gli altri figli di Andrea, attivi nello stesso campo, sono: Luca (1475-1550) Marco (1468-1534 circa) e Pierfrancesco (1477-1528).

 

I soldati dunque, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una parte per ciascun soldato. Presero anche la tunica, che era senza cuciture, tessuta per intero dall'alto in basso.

Giovanni (19:23)