produzione



GAGINI Antonello



Antonello Gagini
(Palermo 1478 - 1536 ca.), scultore italiano.

La formazione di Antonello si compie presso la bottega del padre Domenico, in un periodo in cui ancora forti sono gli echi della scultura quattrocentesca e lombarda: tuttavia il suo linguaggio si arricchisce nel tempo di altri influssi, del Laurana.
Dal 1498 al 1507 lavora a Messina. Di questo periodo ricordiamo: la Madonna a Bordonaro (ME), la "Cona" del duomo di Nicosia, la Madonna con Bambino nella chiesa di Santa Maria di Gesù a Catania.
Tra le commissioni più prestigiose ricordiamo quella del 1508 per la decorazione dell'abside maggiore della Cattedrale di Palermo, completata dopo la sua morte e smembrata alla fine del '700.   Il Fazello ci informa che la decorazione consisteva in 42 statue a grandezza naturale di marmo di Toscana: il Cristo, la Vergine Maria, i 12 apostoli e una trentina di santi.  La realizzazione di questa complessa decorazione lo consacra come il più grande scultore siciliano. La fama cresce, da tutta l'isola arrivano commissioni e dalla bottega di Antonello esce un fiume di opere che inonda la Sicilia.
Antonello Gagini muore nel 1536 dopo 58 anni interamente dedicati all'arte. I figli, alcuni nipoti e gli allievi manterranno alto il prestigio della sua bottega per tutto il 500; ma venendo meno il genio, continueranno a ripetere gli schemi compositivi portati al successo dal maestro scadendo gradatamente nel manierismo.

 

Nel luogo dov'egli era stato crocifisso c'era un giardino, e in quel giardino un sepolcro nuovo, dove nessuno era ancora stato deposto.

Giovanni (19:41)