produzione



STRAZZABOSCO Luigi

Strazzabosco Luigi
(Padova, 22 Febbraio 1895 – Padova, 18 Febbraio 1985) è stato uno scultore e disegnatore veneto.

Terzogenito di una famiglia di ben ventuno fratelli, Luigi Strazzabosco è nato a Padova da Giovanni Martino e Leonardi Marcellina, provenienti dall’Altopiano di Asiago.  Dimostrò fin dalle elementari la sua attitudine al disegno e poté assecondare questa vocazione frequentando la Scuola d’Arte Pietro Selvatico.  Dopo la Prima guerra mondiale, riprende gli studi all'Istituto Superiore d'Arte di Venezia sotto la guida dello scultore Carlo Lorenzetti. Partecipa pochi anni dopo a esposizioni locali, tra cui la Seconda mostra nella Sala della Ragione (Padova, 1923) e una mostra al Circolo filarmonico. Tiene quindi personali a Venezia, Milano, Bologna e Padova. Prende parte, tra l'altro, alle Biennali di Venezia e alle Quadriennali di Roma. 
Nel 1930 espone la scultura in marmo Maternità alla XVII edizione della Esposizione Internazionale d'Arte Biennale della Città di Venezia, mostra alla quale partecipa ancora alla XIX edizione del 1934 con la scultura in terracotta Donna Nina Bodrero, alla XX del 1936 con la terracotta Offerta della fede ed il gesso patinato Cristo ed infine alla XXI edizione del 1938 con la scultura in bronzo La signora Sbordone. Nel 1933 partecipa alla I Mostra a Firenze del Sindacato Nazionale Fascista di Belle Arti con l'opera Orante e nel 1935 è alla II edizione della Mostra Quadriennale Nazionale d'Arte di Roma con la scultura in terracotta Pastore seduto, mostra alla quale è ancora presente alle edizioni del 1952, 1956 e 1966.  Dalla fine degli anni Sessanta, s'indirizza verso una sorta di sintesi quasi astratta, che sembra rifarsi alle immagini-archetipiche di idoli e riti ancestrali: sono, le sue, figure misteriose rese con una plastica possente, che rimanda ad arcaici frammenti. Punto fermo della sua visione artistica è la religiosità cristiana, che costituisce, nella sua opera, una chiave interpretativa di qualsiasi soggetto, anche pagano.   Ha partecipato alle Biennali di Venezia, alle Quadriennali di Roma, al Premio Suzzara, alla permanente di Milano, alla nazionale di Firenze, alle biennali Trivenete di Padova, alla mostra di Scultura a Monza e Cantù, alla Internazionale a Vittoria di Spagna e Madrid. Nel 1980 si tenne a Padova una vasta antologica di sculture e disegni.

Artisti contemporanei di STRAZZABOSCO Luigi

 

E, trattolo giù dalla croce, lo avvolse in un lenzuolo e lo mise in una tomba scavata nella roccia, dove nessuno era ancora stato deposto.

Luca (23:53)