produzione



MONTAUTI Antonio



Antonio Montauti
(Firenze 1685 - Roma 1740), scultore e ideatore di medaglie italiano.

Antonio Montauti era, a Firenze, l'allievo più importante dello scultore eminente Giuseppe Piamontini ed ha cominciato il suo apprendistato come creatore delle medaglie in bronzo. Tra le sue prime opere, una delle sue medaglie più raffinate, che ha celebrato la visita del re Frederick IV della Danimarca e della Norvegia a Firenze nel 1708. Sul dritto c'è un ritratto del re, sul rovescio, una vista della città con un dio del fiume adagiato, che personifica il Arno (Bargello, Firenze). Una medaglia di Conte Lorenzo Magalotti, datata 1712 (British Museum, Londra), ha un Apollo del quale l'ondeggiamento esagerato nelle anche è riflesso in due piccoli bronzi successivi (Roma, Palazzo Corsini). Ci sono inoltre due medaglie del Granduca Gian Gastone de' Medici (la prima del 1723, la seconda del 1731, entrambe Bargello, Firenze). La descrizione attenta del ritratto, riprodotto dal Montauti nelle medaglie, è riflessa nei suoi busti di marmo del granduca. Uno di questi (del 1724 in S. Maria Nuova, Firenze), dà risalto alle caratteristiche del grande naso, delle labbra sporgenti e del mento pronunciato, usando un trattamento schematico per la parrucca.
Dal 1720 le commissioni principali provennero specialmente dai Medici e a Firenze, nella chiesa di San Frediano in Cestello, nel primo dei due chiostri troviamo al centro la statua di Santa Maria Maddalena de' Pazzi (1726).
La sua fama si sparge oltre la sua Firenze natale nel 1732, quando il re del Portogallo, Giovanni V, ordinò una serie di statue colossali per l’atrio della Cattedrale di Mafra (Portogallo), molte delle quali furono realizzate da artisti toscani; Antonio nel 1740 eseguì la statua di San Paolo e San Pietro.
Nel 1733 si recò a Roma sotto la protezione del  cardinale Alamanno Salviati ed entro l'anno seguente venne all'attenzione del papa Clemente XII Corsini, per il quale ha completato la Pietà di marmo della cappella di famiglia Corsini, nella chiesa di San Giovanni in Laterano. Il papa lo nominò "architetto di San Pietro" nel 1735, una posizione altamente importante, nel corso della quale diede alla Basilica Vaticana statua di marmo di San Benedetto.
Altra opera attribuita allo scultore fiorentino Antonio Montauti il busto in marmo dello scienziato e poeta Francesco Redi.

 

I soldati dunque, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una parte per ciascun soldato. Presero anche la tunica, che era senza cuciture, tessuta per intero dall'alto in basso.

Giovanni (19:23)