produzione



FIABANE Franco



Franco Fiabane
(Belluno 1937), scultore italiano.

Nato a Belluno, dove vive ed opera, nel 1937, Franco Fiabane è artista molto conosciuto anche fuori dei confini provinciali. L'iniziazione all'arte avvenne con la bottega artigiana, frequentata fin da giovanissimo, avendo come maestro il padre Berto, scultore di notevole talento, cui si aggiunge più tardi la collaborazione a fianco dello scultore Augusto Murer. Il rapporto di amicizia con Murer e successivamente con Annigoni avrà una decisiva importanza nella sua evoluzione di giovane artista. 
Dal 1974 in poi stimolato da un crescente successo di pubblico e di critica inizia la sua attività espositiva in Italia e all'estero e la sua partecipazione a concorsi per opere pubbliche. Dall'apprendimento delle tecniche di lavorazione e di restauro della pietra, Franco Fiabane è poi passato a sviluppare la sua ispirazione anche attraverso grafica, bronzo e legno.
Scorrendo rapidamente l'elenco delle sue opere monumentali, non si possono non ricordare la Resurrezione con superstiti sant'Antonio nella chiesetta del Vajont; la Madonna di Loreto all'Aeroporto di Belluno; il Monumento degli Alpini di Castion; il Monumento ai Caduti per l'Ideale di Soverzene; la Deposizione per una cappella a Mogliano; il Tabernacolo, l'Annunciazione e il Crocefisso nelle Sale ricreative di Bolzano; la Madonna Regina delle Dolomiti benedetta da Papa Wojtyla sulla Marmolada; il Tabernacolo nella chiesa di Longarone del Michelucci; la Madonna delle Ande in Argentina; l'Angelo dell'accoglienza e la Via Crucis al Santuario del Nevegal; gli Alpini sull'omonimo ponte di Belluno; le Porte della chiesa di Lentiai e il trittico monumentale al Cimitero delle Vittime del Vajont a Fortogna.
Alcune opere: L'amore, Serenità, Salomè.

 

e lo depose nella propria tomba nuova, che aveva fatto scavare nella roccia. Poi, dopo aver rotolato una grande pietra contro l'apertura del sepolcro, se ne andò

Matteo (27:60)