produzione



DI BONINO Giovanni da Assisi



Giovanni Di Bonino da Assisi
(Assisi XIV secolo), pittore di vetrate, italiano.

Andando a rivedere i vecchi incartamenti e registri amministrativi del Duomo di Orvieto, e non solo, si rileva che Giovanni di Bonino in molti pagamenti è citato tanto come "Johanne dal vetro" quanto come "Maestro Johanni pictori". L'artista è attivo in Umbria nella prima metà del XIV secolo.  Gli si attribuiscono la vetrata dell'abside del duomo di Orvieto, la navata centrale che culmina con uno stupendo finestrone gotico, iniziato nel 1325, la cui vetrata si compone di quarantotto riquadri riproducenti le storie della Vergine e di Gesù, figure di Santi, dei Dottori e degli Evangelisti, poi terminato da Nicola di Nuti nel 1334, sembra su disegno di Lorenzo Maitani (secondo altri anche il disegno sarebbe suo).   Un'altra opera, la cui paternità dovrebbe essere dell'artista di Assisi, è la vetrata con la Crocifissione della Galleria Nazionale dell'Umbria a Perugia  (da altri assegnata a un anonimo maestro umbro della prima metà del sec. XIV), oltre alle vetrate della cappella di Sant'Antonio nella chiesa inferiore di S. Francesco ad Assisi.
La figura di Giovanni di Bonino si è andata notevolmente arricchendo col progredire degli studi critici, considerato dapprima come artigiano esecutore gravitante nell'orbita del Maitani, viene oggi considerato come un artista autonomo, originale nel rielaborare stilemi umbri e toscani.

 

Nel luogo dov'egli era stato crocifisso c'era un giardino, e in quel giardino un sepolcro nuovo, dove nessuno era ancora stato deposto.

Giovanni (19:41)