produzione



CARRACCI Annibale



Annibale Carracci
(Bologna 1560 - Roma 1609), pittore italiano.

Annibale Carracci nacque a Bologna nel 1560; la sua vicenda artistica si articola in due fasi ben distinte.
Nella prima riscontriamo le sue prime opere datate, che vanno dal 1583 al 1586, che risalgono al periodo in cui fece i suoi viaggi in Toscana e a Venezia. Le opere di questo periodo sono: il Battesimo di Cristo nel quale è evidente l'influsso della pittura del Correggio, Madonna e Santi, lo Sposalizio di Santa Caterina, l'Assunzione della Vergine, caratterizzati da un forte cromatismo. Caratterizzati da un forte realismo, e sempre del primo periodo della sua attività, sono alcuni dipinti quali La bottega del macellaio (Oxford, Christ Church), Il mangiafagioli (Roma, Galleria Colonna), l'Uomo con scimmia (Uffizi) o anche i mitologici come Venere, satiro e amorini (Uffizi), nei quali Annibale tenta una propria e originale ricerca in direzione spiccatamente naturalistica. Altre significative opere del periodo sono il Ritratto di musico attualmente presso la Galleria Nazionale di Napoli e due Autoritratti che che invece si trovano alla Galleria degli Uffizi a Firenze e alla pinacoteca di Brera. 
Della prima fase artistica del Carracci fa parte anche l'attività con il fratello Agostino e il cugino Ludovico (tra il 1588 e il 1590), coi quali fonda, a Bologna, la celebre Accademia degli Incamminati e realizza grandi cicli decorativi, come le Storie di Giasone in Palazzo Fava e le Storie di Romolo in Palazzo Magnani, legati alle suggestioni dell'ambiente manierista dell'Italia settentrionale.
Il 1595 rappresenta una drastica svolta per Annibale Carracci, che si trasferisce a Roma perché chiamato da Odoardo Farnese, per la decorazione - con affreschi - del camerino del Palazzo Farnese con Le storie di Ercole e Ulisse e Gli amori degli dei si esibisce in grandiose e animate composizioni, che si aprono su squarci architettonici e cieli azzurri, prime codifiche della rutilante decorazione barocca. Il ciclo decorativo è organizzato in una serie di riquadri autonomi del quale sono illustrate episodi di mitologici tra i quali spicca il Trionfo di Bacco e Arianna. Faceva parte della decorazione anche la tela con Ercole al bivio che oggi si trova al museo di capo di Monte di Napoli. Nel contempo seguirono altre opere come la Natività della Vergine che oggi si trova al Louvre, la Pietà del Museo Nazionale di Napoli, l'Assunzione che si trova nella cappella Cerasi di Santa Maria del Popolo a Roma.
Tra i 1603 il 1604, lavorò alla decorazione delle lunette nella cappella di palazzo Aldobrandini con Storie della Vergine tra le quali la bellissima Fuga in Egitto nel quale il paesaggio diventa il soggetto principale dell'intero dipinto che oggi si trova a Roma alla Galleria Doria Pamphili. Altre opere da ricordare sono: la Madonna detta del silenzio eseguita tra il 1598 1600 che si trova a Londra, San Giovanni nel deserto dipinto tra il 1598 1601 che si trova a Londra alla National Gallery, la Samaritana al pozzo e la Pietà del 1603 circa che si trovano a Vienna al Kunsthistorisches Museum), il Martirio di S. Sebastiano del 1604 circa, che si trova al Louvre a Parigi.
Annibale Carracci muore a Roma nel 1609.

 

Gesù le disse: «Non trattenermi, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli, e di' loro: 'Io salgo al Padre mio e Padre vostro, al Dio mio e Dio vostro'»

Giovanni (20:17)