produzione



ALLORI Alessandro



Alessandro Allori
(Firenze 1535-1607) pittore italiano.

Allievo ed amico del Bronzino, conciliò il rigore e la purezza formale del maestro con un gusto amplificatorio di derivazione michelangiolesca recuperando i ritmati moduli di Raffaello e di Andrea del Sarto.
Dipinse nello Studiolo di Francesco I la Pesca delle perle e il Convito di Cleopatra (c. 1570, Firenze, Palazzo Vecchio, Studiolo di Francesco I). Nel 1574, alla morte del Vasari, divenne pittore ufficiale della corte medicea, partecipando alla decorazione del palazzo in via del Corso, della villa di Poggio a Caiano e degli Uffizi.
Nei suoi dipinti e nei suoi affreschi compaiono spesso raffigurati oggetti in vetro, che ci consentono di datare, sia pure approssimativamente, vetri simili a quelli delle collezioni medicee, come quelli appartenenti alle suppellettili scientifiche dell'Accademia del Cimento. Precisi, infine, sono i collegamenti tra le arti e lo studio del corpo umano, come appare nei suoi celebri disegni anatomici. Il disegno e la pratica anatomica, infatti, sono indicati come momenti imprescindibili per la formazione dell'artista.  Tra le sue opere Madonna languente con i simboli della passione di Cristo, (1581, Galleria Uffizi, Firenze), Ultima Cena, (arazzo su seta, ante 1595, Galleria Uffizi, Firenze).

 

Pilato, volendo soddisfare la folla, liberò loro Barabba; e consegnò Gesù, dopo averlo flagellato, perché fosse crocifisso.

Marco (15:15)